Tiramisù con pavesini e amaretti

Il tiramisù è un dessert diffuso e conosciuto in tutto il territorio nazionale italiano, ma anche internazionale. Tuttavia, le sue origini sono attribuite specialmente a Veneto e Friuli-Venezia Giulia, che se ne contendono la paternità. Oggi, prepareremo questo tiramisù con pavesini e amaretti, più light e innovativo.

Secondo la tradizione, questo dolce viene preparato con i savoiardi, il mascarpone e il caffè, ma ne esistono varianti con altri biscotti friabili e potenzialmente meno pesanti.

Infatti, ho deciso di proporvi l’alternativa con i Pavesini, meno dolci e meno spessi dei savoiardi, che renderanno il tiramisù alquanto più leggero e facilmente digeribile. Qui in basso il nostro our YouTube video.

Ricetta del tiramisù con pavesini e amaretti

Questa ricetta mi è stata tramandata dalla mia nonna materna, che fin da quando ero piccola mi divertivo ad aiutare in cucina. È sempre una gioia, per tutta la famiglia, quando si avvicinano le festività, perché tutti sanno che è ora di mangiare il tiramisù più buono di sempre!

Iniziamo dunque, stilando una lista degli ingredienti necessari:

  • 500g di mascarpone fresco
  • 90g di amaretti
  • 6 uova biologiche
  • 2 confezioni di Pavesini (circa 16 buste)
  • 400m l di caffè
  • 170g di zucchero (circa 7 cucchiai)
  • cacao in polvere q.b.

La ricetta non è assolutamente complicata, quindi anche il procedimento sarà molto scorrevole.

Nel frattempo munitevi di:

  • uno sbattitore elettrico
  • un frullatore
  • 2 ciotole abbastanza grandi per sbattere e montare le uova
  • un passino piccolo
  • a spoon

Process:

Innanzitutto, preparare il caffè. Quando sarà pronto aggiungere 2 cucchiai di zucchero e 2 di liquore: io di solito prediligo il brandy, ma la ricetta tradizionale prevede l’utilizzo del Marsala.

Il primo passo per la realizzazione del composto è versare 5 cucchiai di zucchero in una delle due ciotole. Successivamente, dividere i tuorli dagli albumi: i tuorli dovranno andare insieme allo zucchero, mentre gli albumi dovranno essere separati nell’altra ciotola.

Sbattere i tuorli con lo zucchero, finché il composto sarà chiaro, omogeneo e spumoso. Poi, montare a neve gli albumi. Trucco: per essere sicuri di aver montato bene gli albumi, inserire una forchetta in verticale e vedere se rimane diritta. In questo caso, la montatura è perfetta e potete procedere.

Se avete bisogno di vedere l’intero procedimento, ecco il video!

Aggiungere gli albumi ai tuorli e amalgamare. Io ho usato lo sbattitore, ma l’ideale sarebbe utilizzare un cucchiaio o una frusta a mano. Aggiungere anche il mascarpone piano piano, sempre mescolando. In seguito, polverizzare gli amaretti con l’aiuto del frullatore e versarli all’interno del composto, dunque amalgamare il tutto.

Prendere una pirofila e sistemare al suo interno i Pavesini imbevuti di caffè. Now, coprire il primo strato di biscotti con un bel po’ di composto e di cacao in polvere. Per lo strato successivo, posizionare i Pavesini nella direzione opposta, così da creare l’effetto mattonella. Procedere in questo modo per tutti gli strati (di solito 4).

Concludere coprendo completamente l’ultimo strato con il cacao in polvere. Pulire con un foglio scottex i bordi della pirofila per una presentazione ordinata.

Come servire il tiramisù con pavesini

È preferibile servire il tiramisù il giorno dopo, dando il tempo ai sapori e agli ingredienti di amalgamarsi.

Per quanto riguarda l’accompagnamento, i vini che si abbinano al meglio sono i passiti, intensi sia nel gusto che nel profumo. Alcuni esempi possono essere il Passito di Pantelleria o il Moscato Rosa, altrimenti, interessante è anche l’abbinamento con il Marsala, vino utilizzato tra l’altro per correggere il caffè durante la preparazione del dolce.

However, si può accompagnare anche con vini dolci bianchi.

Tips

Preparare il caffè prima di cominciare la ricetta, così farà in tempo a raffreddarsi per quando dovrete immergerci i Pavesini. Inoltre, ricordare che i Pavesini non devono essere troppo inzuppati nel caffè, altrimenti il tutto risulterebbe troppo umido e perderebbe di gusto.

Solitamente il numero di cucchiai di zucchero va di pari passo con il numero di uova utilizzate, in questo caso 6, ma per ottenere un composto più leggero è preferibile optare per un cucchiaio in meno.

Quando si aggiungono gli albumi ai tuorli e, successivamente, il mascarpone, è meglio utilizzare una frusta a mano: in questo modo sarà meno facile che il composto risulti troppo liquido. Tuttavia, se dovesse capitare, niente paura! Basterà frullare un surplus di amaretti e/o Pavesini e aggiungerli al composto per renderlo più corposo.

Alternare sempre la direzione in cui sistemare i Pavesini, così il tiramisù risulterà più “stabile” con l’effetto mattonella.

Finally, ricordare sempre di controllare che gli albumi siano ben montati, per fare questo basterà inserire una forchetta al centro degli albumi. Se rimane “in piedi” allora si potrà procedere, sennò continuare a montare e ripetere l’esperimento.

A questo punto siete pronti per realizzare la ricetta perfetta del tiramisù e godervela insieme alla vostra famiglia!

Curious facts

L’Accademia della Crusca ha affermato che la parola “tiramisù” è presente come italianismo gastronomico in 23 lingue diverse ed è una delle 5 parole più conosciute in ambito culinario.

Pare che il nome di questo dolce gli sia stato affibbiato dai cortigiani veneziani per i suoi presunti poteri afrodisiaci.

Sapevate che esiste il Tiramisù Day? Si festeggia il 21 marzo di ogni anno!

About the author

DaSilvia

View all posts