Cucinare a casa è un toccasana per la salute

Alla fine di una giornata frenetica, cucinare a casa sembra un lavoro pesante. Mangiare fuori o ordinare in casa potrebbe sembrare l’opzione più semplice e veloce. Ma la convenienza e i cibi elaborati possono avere un impatto significativo sul vostro umore e sulla vostra salute.

I ritmi della vita quotidiana di ognuno di noi sono davvero estenuanti: il lavoro specialmente, spesso ci obbliga a mangiare fuori casa o comunque ad optare per cibi confezionati e veloci da consumare.

Sia che viviate da soli o che siate genitori impegnati, trovare il tempo e le energie per preparare i pasti fatti in casa può sembrare un compito scoraggiante.

Cucinare a casa

Qualche breve punto…

  • Il cibo conveniente è tipicamente ad alto contenuto di additivi chimici, ormoni, zucchero, sale, grassi non sani e calorie, che possono influenzare negativamente il cervello e la vista.
  • Può lasciare la sensazione di stanchezza, gonfiore e irritabilità, e aggravare i sintomi di depressione, stress e ansia.
  • Molti ristoranti servono porzioni da due a tre volte superiori alle linee guida dietetiche raccomandate. Questo vi incoraggia a mangiare più di quanto non fareste a casa, influenzando negativamente il vostro girovita, la pressione sanguigna e il rischio di diabete.
  • Quando si preparano i propri pasti, si ha più controllo sugli ingredienti. Cucinando per voi stessi, potete assicurarvi che voi e la vostra famiglia mangiate pasti freschi e genuini. Questo può aiutarvi ad apparire e sentirvi più sani, ad aumentare la vostra energia, a stabilizzare il vostro peso e il vostro umore e a migliorare il vostro sonno e la vostra resistenza allo stress.
  • Cucinare a casa non deve essere per forza complicato. Il caposaldo di una dieta sana è mangiare cibo che sia il più vicino possibile al modo in cui la natura lo ha fatto. Ciò significa sostituire il cibo trasformato con cibo fresco, quando possibile, e mangiare molta verdura e fonti di proteine sane.

I benefici per la salute

Conoscere tutti gli ingredienti che si utilizzano e le quantità e qualità del condimento aggiunto, aiutano ad avere una totale consapevolezza di ciò che si mangia.

Questo è estremamente importante per la nostra salute, di cui soltanto noi stessi siamo responsabili in un primo luogo. Se vogliamo migliorare la nostra salute fisica e mentale dobbiamo anzitutto imparare a cucinare i nostri pasti, preferendo ovviamente cibi freschi e possibilmente non OGM.

Vediamo quindi quali sono i principali benefici che la nostra salute può trarre dai pasti fatti in casa:

  • Preparare pasti sani da cibi freschi, non confezionati, a casa può sostenere il sistema immunitario e ridurre il rischio di malattie come le patologie cardiache, il cancro, l’ipertensione arteriosa e il diabete.
  • Può darvi più energia, migliorare il vostro modo di dormire la notte e aiutarvi a gestire meglio i problemi di salute.
  • Se seguite una dieta speciale o cercate di perdere peso, preparare i pasti per voi stessi vi dà un maggiore controllo sugli ingredienti e sulle dimensioni delle porzioni, consentendovi di controllare meglio il vostro peso o di far fronte alle allergie alimentari.
  • Cucinare a casa può affinare la mente, combattere il declino cognitivo e diminuire il rischio di Alzheimer. Inoltre, introdurre i bambini alla pratica dei fornelli, può aiutarli a acquisire manualità, creatività e fiducia in sé stessi: quindi, genitori, insegnate ai vostri figli a cucinare!

Benefici sociali ed emotivi

Creare qualcosa con le proprie mani è sempre motivo di orgoglio, soprattutto se si cucina per una persona amata o per tutta la famiglia.

Cucinare diventa un vero e proprio canale per l’emotività: sapori, odori e colori sono in grado di suscitare in noi emozioni piacevoli o meno piacevoli, ma comunque ci danno una spinta per imparare a conoscere noi stessi e diventare consapevoli dei nostri sensi.

Preparare dei piatti è utile per scacciare la demotivazione e acquisire nuovi interessi, diventare di nuovo curiosi come bambini.

Ecco i vantaggi emotivi che si traggono dalla cucina:

  • Il semplice processo di cucinare a casa può rafforzare e migliorare l’umore e l’autostima. Prendersi del tempo per cucinare può anche essere un ottimo alleviatore di stress e un incentivo per lasciarsi andare alla creatività che quando si è adulti sembra un ricordo lontano dell’infanzia.
  • Cucinare e mangiare con la famiglia è un ottimo modo per legare con i propri cari. Invitando gli amici ad unirsi a voi potrete ampliare la vostra cerchia sociale.
  • Mangiare pasti sani può anche aggiungere gioia alla vostra vita. Quando il vostro corpo si sente più sano, vi sentite più felici dentro e più belli fuori!
  • Gli studi hanno anche dimostrato che quando si preparano regolarmente pasti fatti in casa, è anche più probabile che si facciano scelte più sane (perché è anche più facile preparare piatti sani e meno elaborati) rispetto a quelle occasioni in cui si mangia fuori. In altre parole, mangiare cibo sano può diventare una vera e propria abitudine.

Il piacere della condivisione

Il cibo riunisce le persone e cucinare a casa è un ottimo modo per unire la famiglia al tavolo da pranzo. Tutti amano un pasto cucinato in casa, perfino i mangiatori più schizzinosi e difficili!

Ottenere un feedback di apprezzamento per un pasto che avete preparato per qualcuno può dare un vero e proprio impulso anche alla vostra autostima.

Rendete i pasti un’esperienza sociale: il semplice atto di parlare con un amico o un amato a tavola può avere un ruolo importante nell’alleviare lo stress e nel migliorare l’umore. Inoltre, vi darà la “scusa” per riunire la famiglia e stare al passo con la vita quotidiana dei vostri cari o dei vostri amici.

Spegnete gli schermi: prendetevi una pausa dalla TV, spegnete il telefono ed evitate altre distrazioni in modo da avere la possibilità di connettervi appieno con la persona con cui state condividendo un pasto. Evitando gli schermi e mangiando con gli altri, contribuirete anche a evitare di mangiare troppo.

Cucinate con gli altri, con il vostro coniuge, il vostro coinquilino o un amico: uno prepara l’antipasto, l’altro il dessert, ad esempio. Cucinare con gli altri può essere un modo divertente per approfondire le relazioni e dividere i costi può essere più conveniente per entrambi.

Scuse più comuni per non cucinare (che non reggono!)

Nonostante tutti i benefici, molti pensano ancora che preparare i pasti sia come un lavoro di routine, o qualcosa per cui non si abbia tempo, o qualcosa che è adatto solo ai cuochi esperti. Forse avete già provato a cucinare e non vi sono piaciuti i risultati finali, o forse i vostri figli preferiscono il cibo da asporto?

Il superamento degli ostacoli che impediscono di cucinare a casa spesso inizia con il cambiamento del modo di vedere la preparazione del cibo o il tempo trascorso in cucina, eliminando le scuse insensate. Tra le più comuni ci sono:

“Non ho tempo di cucinare”

Certo, fare la spesa, cucinare e poi pulire tutto può richiedere molto tempo. Ma ci sono diversi modi per velocizzare le cose: fare acquisti online, ad esempio, e farsi consegnare a domicilio tutti gli ingredienti.

Oppure coinvolgere la propria famiglia o i vostri amici. Anche preparare ciò che è possibile in anticipo è molto utile: tagliare le verdure e conservarle in frigo, preparare il sugo e conservarlo anch’esso in frigo o in freezer…

Utilizzare ingredienti freschi: le insalate e le ricette di cibi crudi possono richiedere pochi minuti per essere preparate. Considerare i pasti cucinati come un’esperienza piacevole e rilassante, piuttosto che un lavoro di routine, non sembrerà così dispendioso in termini di tempo.

“E’ più economico mangiare al fast food” o cibi pronti

A prima vista, può sembrare che mangiare in un fast food, ordinare d’asporto o comprare cibi precotti sia meno costoso di un pasto fatto in casa. Secondo i dati ISTAT, una famiglia italiana media spende circa €500 al mese in prodotti alimentari, perlopiù acquistando al supermercato cibi precotti, surgelati o confezionati, invece che preferire le materie prime con cui è possibile preparare più cibo e più sano.

Il cibo acquistato nei fast food, come si sa (o forse no), è ricchissimo di additivi e sostanze alla lunga dannose per il nostro organismo: sì, per questo è sempre più tasty di ogni piatto fatto in casa.

Per avere un’idea su che cosa può contenere il cibo della famosa catena McDonald’s, vi consiglio questo video.

Screenshot dal video

“Sono troppo stanco per cucinare”

La creazione di pasti sani non deve comportare un enorme investimento di sforzi. Preparare i pasti all’ingrosso e congelare gli avanzi in porzioni singole da mangiare quando non si ha il tempo o l’energia per cucinare è la soluzione più facile.

Cucinando una volta alla settimana le proteine principali, come il pollo arrosto o i petti di tacchino a cottura lenta, è possibile utilizzare la carne per realizzare pasti facili e veloci durante la settimana, come zuppe, insalate, panini o piatti di pasta.

“Non so cucinare”

Se si è intimiditi dalla prospettiva di preparare un pasto fatto in casa, è importante ricordare che la cucina non è una scienza esatta.

Di solito va benissimo saltare un ingrediente o sostituire una cosa con un’altra. Cercare online o comprare un libro di cucina di base per semplici idee di ricette è un’attività alla portata di tutti. Come per ogni cosa, più si cucina, meglio si diventa. Anche se si è novizi assoluti in cucina, di certo si riuscirà a preparare qualcosa di buono con semplicissimi ingredienti.

“Non riesco a far mangiare sano la mia famiglia (o me stesso)”

Con il tempo, si può “svezzare” la propria famiglia (e sé stessi) dal gusto del cibo da asporto e confezionato. Iniziare in piccolo, cucinando solo una o due volte a settimana per dare a tutti la possibilità di aggiustare le papille gustative aiuterà molto.

I bambini piccoli amano cucinare e trovano divertente mangiare quello che hanno aiutato a fare. L’impulso infantile di imitare è forte, quindi più i propri figli vedranno mangiare cibo sano, più è probabile che seguano l’esempio.

Inoltre, è bene abituare sin da subito i bambini a mangiare sano, molta verdura, cereali, legumi e sporadicamente carne e pesce, per garantire una crescita fisica e mentale perfetta.

5 tips per iniziare a cucinare di più a casa

  1. Fate una lista ordinata per la spesa: vi aiuterà a tenere d’occhio gli ingredienti mancanti e comprare solo il necessario evitando così che i cibi vadano a male. Inoltre potrete organizzare i pasti anche per le cene a venire: congelare qualcosa, come ad esempio la verdura o una bistecca, vi aiuterà a sprecare meno tempo quando effettivamente non ne avrete abbastanza per preparare qualcosa di più complesso;
  2. Cercate di organizzare OGNI pasto della settimana. Sembra una mossa da maniaci, ma come per tutte le cose l’organizzazione è ciò che vi farà risparmiare tempo per dedicarvi ad altro e non avere l’ansia da spesa. Ci saranno anche meno sprechi alimentari ed economici.
  3. Non cercate per forza di preparare qualcosa di diverso ogni sera: vi piace la zuppa? Preparatene in quantità maggiore come riserva per la settimana, non fa mai male!
  4. In una settimana potete cercare di fare pasti che contengano più o meno gli stessi ingredienti base. Il riso ad esempio può fungere da primo piatto, ma anche da contorno al vostro pollo o come accompagnamento alle verdure. Quindi non c’è male a preparane una quantità maggiore, potrete tenerla in frigo così da non spendere ogni volta 40 minuti aspettando che cuocia!

In conclusione, iniziate a cucinare a casa. E poi, banalmente, quando cuciniamo per noi stessi abbiamo meno voglia di impegnarci e preparare piatti complessi e ricercati, per questo siamo portati a fare cose semplici che risultano essere più leggere e di conseguenza più sane.

Abituare le nostre papille gustative a cibi più neutri ci insegnerà ad apprezzare di più la cucina semplice, fresca e genuina che tanto giova alla nostra salute.

About the author

Silvia

Sono Silvia, ho 21 anni e sono co-fondatrice di Blancavite, e-commerce che tratta prodotti BIO certificati. Mi occupo del marketing di Blancavite e della sua comunicazione, anche attraverso questo blog. La passione per la scrittura è nata grazie ai miei studi classici: sono sempre stata una persona entusiasta della letteratura sia italiana che straniera. L'obiettivo del blog Blancavite è riuscire a creare sempre più consapevolezza nelle persone sull'argomento "biologico e sostenibilità". Innovazione e sostenibilità sono i valori che voglio trasmettere ai miei lettori.

View all posts